Anche Epic Games contro Mosca: niente tornei con premi in denaro per i giocatori russi

epic games fortnite russia

Il team di Fortnite di Epic Games ha annunciato che i giocatori di Fortnite residenti in Russia non possono più partecipare ai tornei competitivi che prevedono premi in denaro. Come riportato anche da DotEsports, la sentenza entra in vigore oggi, giovedì 11 marzo.

Stando a quanto riportato nell’annuncio, i giocatori potranno ancora “guadagnare premi cosmetici in-game”. Tutti i giocatori russi che non hanno rivendicato le vincite degli eventi precedenti dovranno completare il processo di verifica del premio prima del 22 marzo. Eventuali premi in denaro non reclamati saranno “congelati fino a quando il fornitore di servizi di pagamento di Epic non sarà in grado di riprendere il supporto ai premi per i giocatori residenti in Russia”.

Appare chiaro come si tratti di una decisione che Epic Games non sta prendendo volontariamente. È probabile che la società o l’istituzione attraverso cui Epic effettua i pagamenti non sia disposta a pagare i giocatori russi o non sia in grado di farlo a causa delle sanzioni contro Mosca, inflitte in seguito all’invasione in Ucraina.

L’annuncio arriva due settimane dopo l’inizio dell’operazione militare in Ucraina. Epic segue la strada tracciata da aziende, sviluppatori e organizzatori di tornei esports, che hanno smesso di fare affari con la Russia in seguito all’invasione. Proprio la scorsa settimana, Nintendo, Bungie, Sony, YouTube, Twitch, EA, Apple, Activision Blizzard, AMD, Intel e molti altri hanno interrotto le vendite e i servizi in Russia. Pochi giorni fa, anche Epic ha interrotto le vendite e il commercio dei suoi prodotti nel paese russo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *