I ricavi di Activision Blizzard crescono del 38% nel Q2 2020: raggiunti quasi 2 miliardi di dollari

activision blizzard guadagni

Nella consueta conferenza sugli utili trimestrali tenutasi lunedì, Activision Blizzard ha riferito che il secondo trimestre del 2020 ha superato le aspettative in termini di entrate e utili per azione (EPS). I ricavi netti totali consolidati per questo trimestre hanno visto un aumento del 38% rispetto allo scorso anno, raggiungendo la considerevole cifra di 1,9 miliardi di dollari. Un aumento notevole rispetto ai 1,4 miliardi di dollari del secondo trimestre del 2019.

Stando a quanto riferito da Activision Blizzard, il franchise di Call of Duty è stato il principale motore di entrate per questo trimestre, con un interesse decisamente elevato per Call of Duty: Warzone e Call of Duty: Mobile. Activision Blizzard afferma inoltre che Warzone ha raggiunto “oltre 75 milioni di giocatori fino ad oggi” e che “nel primo trimestre completo da quando è stato lanciato, le ore giocate nell’universo di Modern Warfare sono aumentate di otto volte anno su anno”.

Secondo il portale delle statistiche TwitchTracker, Call of Duty: Modern Warfare è il quinto gioco più popolare su Twitch. L’azienda statunitense mette ai primi posti sulla piattaforma di streaming anche altri giochi esports, come World of Warcraft (undicesimo) e Hearthstone, dodicesimo.

Gli aumenti delle entrate rappresentano certamente una buona notizia per i dirigenti di Activision Blizzard, anche se contribuiranno ad accrescere le proteste dei dipendenti dell’azienda americana, che chiedono una retribuzione equa, con aumento degli stipendi e la giusta quota di ferie. Bloomberg riferisce che quasi 900 dipendenti Activision Blizzard si sono organizzati nel canale Slack dell’azienda, preparandosi a portare un elenco di richieste ai superiori. Qualche giorno fa era stato condiviso un foglio di calcolo che ha rivelato una grande discrepanza salariale e un aumento di stipendio insufficiente per molti dipendenti, compresi alcuni veterani.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *