Licenziamenti di massa in GameStop: l’obiettivo è la redditività sostenibile

gamestop

GameStop e Game Informer sono interessati da forti cambiamenti in termini di personale. Il direttore finanziario della società si è dimesso subito prima che venissero comunicati diversi licenziamenti in entrambe le aziende: una situazione che ovviamente catalizza molto anche le attenzioni degli appassionati di esports.

L’attuale CEO Matt Furlong ha detto al personale che i licenziamenti sono stati effettuati per “raggiungere una redditività sostenibile” dopo circa 18 mesi di investimenti massicci in “personale, tecnologia, inventario e infrastrutture della catena di approvvigionamento”, come si legge anche nell’e-mail aziendale acquisita sia da Kotaku che da Axios.

I licenziamenti arrivano nonostante le azioni di GameStop Corp continuino a salire dopo l’approvazione da parte del consiglio di amministrazione di un frazionamento azionario 4 per 1.

Furlong ha anche affermato che “il cambiamento sarà una costante man mano che evolveremo la nostra attività commerciale e lanceremo nuovi prodotti attraverso il nostro gruppo blockchain”. Secondo quanto riferito, GameStop ha cercato di espandere la sua presenza nel mondo degli NFT creando un “mercato” per i giocatori: lo scorso maggio l’azienda ha lanciato un portafoglio digitale per criptovalute e NFT.

I licenziamenti riguardano principalmente il quartier generale di GameStop a Grapevine, in Texas. Il CFO Mike Recupero ha lasciato la società dopo essere stato nominato in quel ruolo soltanto un anno fa. Secondo quanto riferito da Stephen Totilo di Axios, sarà il capo dell’ufficio amministrativo Diana Jajeh a prendere il suo posto.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *