La CMA vuole vederci più chiaro sull’acquisizione di Activision da parte di Microsoft

microsoft activision

Come riportato dalla CNBC, la Competition and Markets Authority, un’organizzazione governativa britannica che sostiene la concorrenza leale, sta indagando sull’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft, che ha fatto molto rumore anche nel settore esports.

La CMA sta tentando di determinare in che modo l’acquisizione potrebbe potenzialmente influenzare la concorrenza nel settore dei giochi, con particolare attenzione sull’evidenza di “prezzi più alti, qualità inferiore o scelta ridotta” per i consumatori. La decisione iniziale dell’organizzazione è attesa entro il 1 settembre, dopodiché dichiarerà l’accordo “pulito” o avvierà la fase 2 dell’indagine se dovessero emergere prove di danni ai consumatori.

Dopo l’annuncio, Microsoft ha condiviso una dichiarazione con IGN rivelando che intende collaborare con le indagini della CMA. La vicepresidente aziendale e consigliere generale Lisa Tanzi ha affermato che la società è disposta a rispondere a tutte le domande e sottoporsi a revisioni da parte delle autorità di regolamentazione.

“Siamo stati chiari su come intendiamo gestire la nostra attività di gioco e perché riteniamo che l’accordo andrà a vantaggio di giocatori, sviluppatori e settore”, ha affermato Lisa Tanzi.

La CMA non è l’unica organizzazione che indaga sull’acquisizione. Anche la Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha condotto la propria indagine concentrandosi su come questo accordo potrebbe andare ad influenzare i lavoratori di entrambe le società.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *