“Simp”, Pokimane critica chi usa il termine: “Misoginia di basso livello”

pokimane simp

“Simp” è un termine di provenienza nordamericana che indica una “persona sciocca”, come spiegato anche dall’Oxford Dictionary. Tuttavia, negli ultimi tempi questa parola si è diffusa su internet con un altro significato, dato che viene spesso utilizzata per prendere di mira coloro che sono alla ricerca di attenzioni da parte di altri.

Simp è diventato di fatto un insulto molto popolare su Twitch, YouTube e Twitter e viene rivolto specialmente agli utenti che elogiano le creatrici di contenuti. La community di Pokimane (tra cui tantissimi appassionati di esports, ndr) è spesso nel mirino di coloro che insultano utilizzando questo termine, poiché una parte dei suoi spettatori sono ragazzi più giovani che cercano l’attenzione della celebre streamer.

In uno dei suoi ultimi streaming, parlando del ban inflitto ad un utente che insultava altri con il termine “simp”, Pokimane ha voluto dire la sua sulla questione. Secondo la streamer, infatti, la ricerca di attenzioni è un comportamento normale, che rientra nella sfera dell’amore per gli altri esseri umani.

“Non è strano che ai ragazzi venga detto che ‘simping’ è così terribile? Viene fatto credere che se si adora una donna è così terribile. Ma non lo è”, ha detto Pokimane, che definisce sessista questo tipo di odio. Secondo la famosa streamer, infatti, l’uso del termine “Simp” per insultare non fa altro che “rafforzare così tanta misoginia di basso profilo”.

“Durante la mia intera carriera come streamer donna, ho percepito, in più occasioni, che i miei colleghi maschi o amici maschi avevano paura di difendermi perché sarebbero stati etichettati come simp”, ha dichiarato Pokimane. “In quale altro modo puoi descriverlo se non una strana misoginia interiorizzata?”

Alla fine del 2020 Twitch ha vietato l’uso della parola “simp”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *