La FTC indaga sull’accordo Microsoft-Activision, ma Satya Nadella rassicura: “Nessun problema”

microsoft activision

Ogni volta che una grande azienda fa una mossa per acquisire un’altra società attira inevitabilmente l’attenzione della Federal Trade Commission degli Stati Uniti, che esamina gli accordi nell’interesse della legge antitrust.

Sta succedendo lo stesso anche a Microsoft, che ha fatto sapere nei giorni scorsi di aver acquisito Activision Blizzard, suscitando un certo clamore anche nel mondo degli esports.

In un’intervista al Financial Times, il CEO di Microsoft Satya Nadella si è detto certo che l’indagine della FTC non avrà alcuna conseguenza sull’accordo, che renderà il gigante di Redmond la terza azienda più grande nel settore dei videogiochi dietro Sony e Tencent.

Subito dopo l’annuncio dell’accordo, arrivato a metà gennaio, sono sorti dibattiti su quanto l’accordo sarebbe risultato effettivamente problematico in ottica antitrust. Anche il CEO di Blizzard Bobby Kotick e il CEO di Microsoft Gaming Phil Spencer si sono recati presso la CNBC (leader mondiale nel fornire notizie sull’economia e nella copertura dei mercati finanziari in tempo reale, ndr) per discutere di numerose questioni relative all’acquisizione.

Dato che aziende molto più grandi – come Meta e Alphabet, società madre di Facebook e Google – sono viste come minacce più consistenti da una prospettiva monopolistica, Microsoft probabilmente non dovrà preoccuparsi dell’indagine della FTC.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *