Call of Duty League, per i fan il ritiro di Scump “avrebbe più impatto” di quello di Tom Brady nella NFL

scump tom brady call of duty league ritiro nfl

I fan della Call of Duty League ritengono che un eventuale addio di Scump alla scena competitiva del popolarissimo gioco esports potrebbe avere un impatto maggiore del possibile ritiro di Tom Brady dalla NFL (anche se il giocatore di football americano ci starebbe pensando su).

La questione è diventata uno degli argomenti più dibattuti sul web. Basti pensare che un sondaggio che ha visto la partecipazione di oltre 3.500 persone ha fatto emergere che l’eventuale pensionamento di Scump avrebbe effettivamente un “impatto maggiore” rispetto a quello di Tom Brady: il 71,9% degli intervistati la pensa proprio così.

Eppure stiamo parlando di quello che è indubbiamente il più grande giocatore di football americano di tutti i tempi, vincitore di più Super Bowl rispetto a qualsiasi altro giocatore nella storia e più di qualsiasi franchigia.

Tuttavia, l’opinione secondo cui l’impatto di un ritiro di Scump sarebbe maggiore ha effettivamente qualche fondamento. I 22 anni di carriera di Tom Brady hanno certamente lasciato un segno indelebile nella NFL, ma non bisogna dimenticare che il campionato di football americano esiste dal 1922.

Il primo campionato della Call of Duty League si è tenuto nel 2009: da quando Scump ha fatto il suo debutto in CoD, nel 2011, è stato essenzialmente il volto del gioco esports. Ma il ritiro è davvero imminente? I fan possono stare tranquilli, almeno per questa stagione: Scump indosserà la casacca di OpTic nella CDL 2022.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *