Call of Duty Challengers, Renegades rinforza il roster: ufficiali Shockz e Louga, ex Paris Legion

renegades esports paris legion shockz louga

Il team Renegades, che milita nella Call of Duty Challengers, ha appena comunicato l’ingaggio di due nuovi giocatori. Si tratta di Shockz e Louqa, che vanno ad arricchire il roster dell’organizzazione. La nuova coppia, che proviene dal team francese di esports Paris Legion, si unirà agli altri due giocatori di Renegades, Fighta e Pred.

Shockz e Louqa hanno giocato per Paris Legion durante la stagione inaugurale della Call of Duty League. Il Paris ha concluso la stagione regolare al 10 ° posto ed è arrivato al secondo round eliminatorio durante i playoff. Risultati tutt’altro che soddisfacenti, che hanno portato il team parigino a perdere l’intero roster.

Renegades ha dominato la regione Asia-Pacifico (APAC) dei Challengers lo scorso anno con il suo roster composto da Fighta, Pred, Swifty, Setzzy e Crimzah. La squadra ha deciso di mantenere Fighta e Pred per la stagione 2021 e ha aggiunto i due ex professionisti per rafforzarsi ulteriormente.

Non è chiaro in quale regione competeranno i Renegades, anche se si presume che rimarranno nella regione APAC. Call of Duty Challengers ha recentemente rivelato nuovi livelli di competizione disponibili solo in Nord America ed Europa, pertanto non è da escludere che il talentuoso team decida di trasferirsi.

I giocatori dei Challengers possono ora guadagnare un posto nel programma Challengers Elite, che ha un montepremi dedicato alla migliore squadra Challengers. I migliori giocatori del Nord America e dell’Europa saranno anche invitati alla Scouting Series, dove gli allenatori della Call of Duty League andranno a formare squadre composte dai migliori giocatori dilettanti e dai “free agent” della stagione 2020.

Il team Renegades non sarà in grado di competere nei livelli più alti della competizione se rimane nella regione APAC, pertanto potremmo presto assistere a qualche “spostamento”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *