Dallas Empire, la rivelazione di Crimsix: “Huke ha accettato 100.000 dollari in meno per far parte del team”

huke dallas empire

Il dominio di Dallas Empire durante la stagione inaugurale della Call of Duty League è stato in qualche modo oscurato dal passaggio al 4v4, con Clayster che ha lasciato il team subito dopo aver vinto i Campionati mondiali di Modern Warfare.

Tuttavia, molti concordano sul fatto che la realizzazione della squadra sia stata un colpo di genio, con la scelta di combinare due dei più grandi giocatori del titolo assieme ad un trio di giovani stelle, in modo tale da bilanciare desiderio, esperienza e talento.

Una delle stelle più giovani era Cuyler “Huke” Garland, che ha dimostrato di avere una maturità tutt’altro che scontata per la sua età. Crimsix ha infatti rivelato che il giovane giocatore ha accettato una forte riduzione dello stipendio pur di unirsi alla squadra.

“Clay, non lo sapevo, e non so se lo sai”, ha detto Crimsix, mentre il suo ex compagno di squadra stava parlando del suo compenso. “Huke ha subito un taglio di stipendio di oltre 100.000 dollari pur di far parte di questa squadra”.

Inutile dire che il sacrificio di Huke ha portato al successo, e quasi sicuramente il giocatore esports ha ottenuto più guadagni grazie alle vittorie di Dallas rispetto a quelli che gli sarebbero spettati accettando un contratto più redditizio da una squadra meno promettente.

“E ‘un bravo ragazzo, capisce quello che vuole – ha replicato Clayster – 100.000 dollari quando hai 21 anni sono un sacco di soldi”.

Considerando la giovane età, la decisione di perseguire un contratto meno redditizio con un team più promettente la dice lunga sull’etica del lavoro e sulla maturità di Huke, che, a 20 anni, è ancora una delle star più giovani di Call of Duty, nonostante abbia già accumulato una certa esperienza.

 


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *