Pokimane spiega perchè tiene la sua vita privata fuori da Twitch: “Non lo faccio per le donazioni”

pokimane twitch vita privata

La vita privata di Imane “Pokimane” Anys è stata spesso un argomento controverso e dibattuto nella community di Twitch.

Molte persone sostengono che la canadese, famosissima per i suoi streaming live su Twitch (anche tra i giocatori esports, ndr), stia cercando di tenere la sua vita privata “nascosta” per ottenere in questo modo più donazioni.

Anys non ha mai fatto troppa chiarezza sulla sua “private life”, mantenendo sempre un certo riserbo. In un video pubblicato ieri, martedì 18 agosto, la streamer si è scusata più volte per la condotta tenuta in passato, aggiungendo alcuni suggerimenti che riguardano i suoi contenuti futuri.

“Sette anni fa, quando ho scelto di diventare una streamer, ho capito che non volevo che la mia vita personale facesse parte dei miei contenuti”, ha detto ai fan. “Questo è ciò che rimarrò fino a quando io, o chiunque con cui esco, in qualsiasi momento, deciderò o deciderà in maniera diversa”.

Pokimane ha spiegato che se avesse reso pubblica la sua vita privata, le persone avrebbero alimentato una valanga di dicerie e critiche, su di lei o sul suo eventuale partner.

“In generale, gli aspetti delle relazioni sono argomenti di cui non mi piace parlare apertamente. Se avessi una relazione, vorrei che fosse solo tra me e quella persona, e non con un milione di persone che si sentano in diritto di esprimere la loro opinione”, ha poi aggiunto Pokimane.

La streamer ha poi aggiunto che mantenere la sua vita personale privata dai fan le rende più semplice separarla dalla sua vita lavorativa. “Capisco che alcune persone vogliano mettere in relazione questo aspetto con le donazioni, ma si potrebbe anche sostenere che si potrebbero guadagnare molti soldi pubblicizzando una relazione o ricavandone dei contenuti – ha concluso – Personalmente ritengo che tutti abbiano diritto alla privacy”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *