Disparità salariale, i dipendenti di Blizzard in rivolta. Aumenti irrisori anche per i veterani

blizzard disparità salariale

I dipendenti di Blizzard Entertainment, una divisione di Activision Blizzard Inc., hanno iniziato a diffondere venerdì un foglio di calcolo per condividere in modo anonimo gli stipendi e i recenti aumenti salariali.

Si tratta solo dell’ultimo episodio che fa riferimento alla crescente tensione nel settore dei videogiochi, a causa delle disparità salariali e dei compensi dei dirigenti.

Blizzard, con sede a Irvine, in California, è nota per aver sviluppato giochi molto popolari anche nel mondo esports, come ad esempio World of Warcraft. Nel 2019, dopo che un sondaggio interno ha rivelato che oltre la metà dei lavoratori Blizzard era scontento del proprio compenso, la società ha detto al personale che avrebbe eseguito uno studio per garantire una retribuzione equa, stando a quanto riferito da persone a conoscenza della situazione. Blizzard ha implementato i risultati di quello studio il mese scorso, ma i dati emersi hanno portato ad una protesta da parte dei dipendenti.

Uno di loro ha quindi deciso di creare un foglio di calcolo e ha incoraggiato il personale a condividere le proprie informazioni sui compensi. Il documento anonimo, rivisto da Bloomberg News, contiene dozzine di presunti stipendi di Blizzard: la maggior parte degli aumenti è inferiore al 10%, una crescita molto bassa rispetto a ciò che si aspettavano i dipendenti dell’azienda.

“Il nostro obiettivo è sempre stato quello di garantire uno stipendio equo e competitivo per i nostri dipendenti”, ha detto la portavoce di Activision Blizzard Jessica Taylor. “Stiamo costantemente rivedendo le filosofie retributive per riconoscere meglio il talento dei nostri migliori interpreti e mantenerci competitivi nel settore, il tutto con l’obiettivo di premiare e investire di più nei migliori dipendenti”.

La disparità salariale è diventata una questione chiave nel settore dei videogiochi, specialmente con l’aumento della sindacalizzazione. Activision Blizzard è stata infatti criticata per la retribuzione dell’Amministratore Delegato Bobby Kotick, che nel 2019 ha raggiunto i 40 milioni di dollari. L’anno scorso, la società ha anche pagato 15 milioni di dollari in premi in azioni e bonus di iscrizione al Chief Financial Officer Dennis Durkin. Nel foglio di calcolo anonimo, un dipendente ha elencato lo stipendio annuale, il bonus e il premio azionario del CEO.

Alcuni produttori e ingegneri di Blizzard arrivano a guadagnare oltre 100.000 dollari all’anno, ma altri, come ad esempio i tester di videogiochi e i rappresentanti del servizio clienti, sono spesso pagati con un salario minimo.

L’anno scorso, l’azienda ha eliminato centinaia di posti di lavoro e ha chiesto ad alcuni membri del personale rimanente di aumentare il lavoro per ovviare ai tagli. Quel lavoro extra non ha tuttavia comportato una retribuzione maggiore, secondo le persone che hanno familiarità con la società, che hanno chiesto di restare anonime. Basti pensare che un impiegato che lavora da molti anni con Blizzard ha detto a Bloomberg News di aver ricevuto un aumento di meno di 50 centesimi l’ora.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Mettici un like su Facebook e seguici su Twitter!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *